Pubblicato in: Recensioni

You

Sinossiyou book

Basta una mano che chiude con gentilezza la porta della libreria per non farla sbattere, basta la scelta di un libro né troppo sofisticato né troppo sciocco, basta un maglione a V senza reggiseno, ed ecco che la fantasia di Joe si mette in moto.

Joe è un libraio dell’East Village, ama il suo lavoro e ha una personalissima idea sui libri che bisognerebbe leggere, e poi ha un certo occhio per i suoi clienti. Non gli può sfuggire la giovane, carina, sessualmente provocante Guinevere Beck, aspirante scrittrice che ha appena varcato la soglia e ora vaga tra gli scaffali rifugiandosi tra la F e la K, lanciando dietro di sé un sorrisetto malizioso.

Beck è tutto ciò che Joe ha sempre desiderato: glaciale e al contempo più sexy di qualsiasi fantasia estrema, ha l’aria da dura, e racconta un sacco di bugie che la rendono misteriosa e ancora più affascinante. E poi non la smette di scrivere, scrive di tutto tranne che il proprio romanzo: mail alle amiche, twitter, sms, un mondo intero di informazioni private facilmente accessibili e tutti sembrano essere molto, ma molto interessati a lei.

Beck ancora non lo sa, ma lei è perfetta per Joe, è la sua anima gemella. E presto non potrà più resistere a un ragazzo che sembra disposto a tutto per lei.

Ma c’è qualcosa che sfugge a entrambi. Qualcosa di Joe che Beck non ha del tutto realizzato. Qualcosa di nascosto dietro la meravigliosa facciata di Beck. E la loro reciproca ossessione potrebbe rivelarsi non così innocua …

Recensione

Il romanzo risulta abbastanza “piatto”, la narrazione scorre abbastanza lentamente, forse troppo per essere un thriller psicologico. Anche se non mancano le azioni violente e da maniaco persecutore qual è il protagonista, non si ha mai quella sensazione di ansia o panico che un giallo dovrebbe suscitare. Insomma, potresti leggerlo a mezzogiorno come a mezzanotte e non staresti mai a guardarti intorno impaurita.

Tutti i personaggi che si susseguono, anche quelli che potrebbero rappresentare un ostacolo per l’amore ossessivo di Joe, non rappresentano mai una reale minaccia. Fa sempre tutto troppo parte della sua fantasia malata.

Anche il personaggio di Beck secondo me non è così affascinante e misterioso come l’autrice vorrebbe, sembra quasi un personaggio secondario e non la protagonista. Lo stesso lettore non se ne “innamora” mai perdutamente come Joe.

Unica nota positiva è il personaggio maschile, strutturato talmente bene che quasi non risulta uno stalker maniaco agli occhi del lettore; anzi spesso ci si ritrova a fare il tifo per lui e a sperare che alla fine tutto vada come lui desidera.

Insomma, probabilmente, non è un romanzo che consiglierei.

Extra

Netflix ha deciso di realizzarne una serie tv, che è già arrivata alla seconda stagione e se ne rumoreggia You tv showuna possibile terza. Dopo la lettura del romanzo, ho deciso di guardare la prima stagione e, mi dispiace dirlo, ma probabilmente non consiglierei nemmeno quest’ultima.

Capisco il riadattamento della storia per il piccolo schermo ma, invece di cambiare i vari personaggi secondari, secondo me si sarebbe dovuto aggiungere un po’ di tensione in più.

Quindi, nonostante il celebre attore Penn Badgley (Dan Humphrey di “Gossip Girl”) interpreti Joe, sono ancora indecisa se vedere la nuova stagione di “You”.

Autore:

Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi.