Pubblicato in: Recensioni

Dalla Rubrica: Nel mio Sottosopra Serie TV da non Perdere.

Netflix è una piattaforma a pagamento, operante nella distribuzione di film e serie TV via internet.
Questa estate, io e la mia famiglia, ci siamo addentrati nel mondo delle serie TV, tra le centinaia che si possono trovare, abbiamo visto: Stranger Things, La Casa di Carta, Grimm e Sherlock.

Stranger Things è una serie televisiva di fantascienza, ambientata negli anni ottanta nella città fittizia di Hawkins, nell’Indiana, è incentrata sugli eventi legati alla misteriosa sparizione di un bambino e all’apparizione di una bambina dai capelli rasati dotata di poteri psichici fuggita da un laboratorio segreto, l’Hawkins National Laboratory.

La Casa di Carta è una serie televisiva acquistata da Netflix nel 2017.
Racconta di una rapina alla Zecca di Spagna ideata dal padre del così detto Professore, che raduna una banda di otto criminali.

Grimm è una serie televisiva che racconta della vita del detective Nick Burckhardt che scopre di essere un Grimm, l’ultimo di una famiglia di criminologi che hanno giurato di mantenere l’equilibrio tra l’umanità e le creature mitologiche, note come Wesen.

Sherlock è la serie vede come protagonista il detective Sherlock Holmes, affiancato dal suo amico e assistente, il dottor John Watson. Watson è un reduce della guerra in Afghanistan e deve ancora ritrovare il suo posto nella società. Quando un amico gli suggerisce di trovarsi un coinquilino con cui dividere le spese di un appartamento, si ritrova a vivere con l’eccentrico Holmes, che col passare degli anni diventerà suo compagno di avventure.

Quest’estate, grazie a Netflix è stata piena di divertimento e di nuove scoperte, le serie viste mi sono piaciute molto. Percorrendo le strade di Londra, mi sono inoltrato nel giallo e nel mistero con Sherlock.

Il detective, grazie alla sue incredibili intuizioni è capace di trovare la strada giusta arrivando. In compagnia del suo amico Watson indaga e risolve crimini, utilizzando la sua eccellente memoria, ricordando ogni piccolo particolare e sfruttando la sua memoria visiva. Nonostante sia considerato asociale e antipatico dai poliziotti, io trovo che sia simpatico e incredibilmente abile a sfruttare la sua logica e le sue capacità, riuscendo a scavare nella personalità di ogni criminale per giungere a conclusioni giuste.

Voglio fare i miei complimenti all’attore, Benedict Cumberbatch. Bravissimo a vestire i panni di questo personaggio particolare e difficile, e soprattutto ad interpretare le tante emozioni di Sherlock.

Dopo aver giocato a cercare i criminali con Sherlock, ho indossato la maschera di Dalì e insieme ad altri rapinatori ho assalito la Zecca di stato di Madrid. Proprio com’è capitato in Messico qualche mese fa, dove il colpo è stato messo a segno in stile “Casa di Carta”.

La Casa de Papel è una serie TV colma di colpi di scena a volte assurdi, tanto che i rapinatori da criminali diventano eroi.

A tratti mi è sembrata noiosa perché i racconti, piccoli teatrini di ricordi passati dei personaggi, li ho trovati ripetitivi. Ma nonostante tutto l’ho seguita e continuerò a farlo perché trovo la trama originale. Gli episodi sono carichi d’azione, gli attacchi ai sistemi operativi della polizia, da parte della banda, sono curiosi e appassionanti. Inoltre vi è un palcoscenico di personaggi a cui è difficile non affezionarsi e quando qualcuno è morto a me è dispiaciuto molto, perché nonostante tutto sono umani e molto fragili.

Non c’è pausa in questo tour di serie televisive: vi presento Grimm: un’avventura fantasy tra i mostri Wesen.

Oh, che cosa stupenda vedere tanti esseri strani, animati da effetti speciali grandiosi.

Le stagioni di questa serie sono sei, ogni episodio inizia con una citazione delle favole dei fratelli Grimm a cui si ispira. Nick è un detective con sangue Grimm, e ha la facoltà di vedere in alcuni criminali la loro vera natura, e precisamente, il loro volto sfigurato quando non riescono a gestire le emozioni. In ogni episodio Nick è vittima di visioni inquietanti (i Wesen) creature malvagie che mettono a duro rischio la sua vita e di chi li sta intorno.

Una mia nota negativa è che ogni puntata possa apparire monotona, poiché centrata su un unico scopo: sconfiggere il male. Ma la varietà dei mostri, i continui riferimenti storici, i manuali, i cimeli fiabeschi, a cui il detective attinge per annientare le creature oscure, sono talmente fantastici che è impossibile distogliere lo sguardo. Soprattutto perché gli episodi sono alleggeriti da scene ironiche e divertenti.

Rullo di tamburi… la serie che ho preferito è stata Stranger Things, perché quando la guardavo mi immedesimavo talmente tanto nelle scene, da essere uno dei protagonisti della serie. Infatti, mi viene da sorridere perché mi rivedevo in Dustin Handerson.

Lui è un personaggio molto riflessivo, simpatico, intraprendente e grazie al suo senso di amicizia riesce a tenere il gruppo unito.

Nonostante sia quasi sempre nei guai è in grado con coraggio di uscirne.

E’ talmente coinvolto nella parte, da sembrare di averla sempre vissuta, e le emozioni che prova le trasmette anche a me, stimolando la mia immaginazione e la voglia di avventura.

Trovo che i registi siano stati grandiosi e straordinari a trovare nuovi spunti per continuare la serie, eh menomale! Mi sarebbe mancata aprire quella porta che mi avrebbe riportato dal nostro mondo nel “Sottosopra”.

L’ambientazione per noi nati nel periodo 2.0 è veramente particolare. Un salto culturale e sociale differente dal nostro, e infatti mi hanno fatto sorridere le acconciature e l’abbigliamento, mentre per mia madre (che ha visto con me e le mie sorelle la serie) è stato tornare indietro negli anni ’80. Mi ha fatto ridere quando urlava di entusiasmo ascoltando le colonne sonore e piacere quando le cantava.

Concludo dicendo che in questa torrida estate questa serie televisiva mi ha tenuto compagnia e in tensione, ma mi ha fatto anche tanto sorridere. Le scene inquietanti e violente sono state smorzate da tanto umorismo.

Ah dimenticavo, ecco i Pop e il Libro che ho acquistato…alla prossima cari amici

⚠⚠️⚠️⚠️⚠️⚠️⚠️⚠️⚠️⚠️⚠️⚠️⚠️

Spero abbia catturato la vostra attenzione, a presto!

Autore:

Mi presento, sono Alessio ho quasi 12 anni mi piace studiare, soprattutto matematica. Leggo, ma non molto (mi dispiace mamma! ), mi piace guardare le serie televisive su Netflix, i video su youtub e giocare a Fifa sulla Playstation... forza Juve🤗