Pubblicato in: Segnalazioni

La Compagnia dei viaggiatori del Tempo

La compagnia dei viaggiatori del tempo

di Massimo Acciai Baggiani

Editore: ABEditore

Sinossi

Dodici amici si riuniscono settimanalmente nei luoghi più disparati. Si tratta di “viaggiatori del tempo”; scrittori dilettanti che esplorano il Futuro attraverso l’immaginazione, la loro macchina del tempo. Nei loro incontri si raccontano storie lunghe e brevi sul tema del Tempo, dell’Eternità, dell’Utopia…

RECENSIONE

Già partendo dalla copertina e dall’impaginazione, ho trovato questo libro come un piccolo tesoro. Ho immaginato di averlo scovato in una vecchia cassapanca, colma di ricordi, tutto impolverato.
E siccome la curiosità ha acceso la mia immaginazione ho continuato a fantasticare pensando di leggerlo raggomitolata, nascosta da tutti e da tutto.

La Compagnia dei Viaggiatori del Tempo, racconta di dodici amici scrittori, ma nessuno lo fa per mestiere, che si ritrovano in posti singolari per viaggiare attraverso la fantasia in “mondi e tempi diversi”, per fuggire dalla nostra “bassa terra per poi magari farvi ritorno dalla porta di servizio.”
Attraverso questi incontri raccontano storie su “mondi alternativi”, ambientate in epoche diverse, passato e futuro.

“Naturalmente non eravamo Viaggiatori del Tempo in senso letterale: lo eravamo semmai in senso letterario. Viaggiavamo tra mondi e tempi diversi dal nostro e la nostra Macchina del Tempo era la fantasia”.

Alfonso, è l’artefice del club, colui che con la sua tranquillità tieni tutti uniti nelle discussioni; lavora in un piccolo bar e ha l’aria da intellettuale. Nei loro incontri, narrano storie fantastiche senza seguire un testo scritto; questo “era un sfida per alcuni di loro, del tutto privi di capacità attoriali e spesso bloccati dalla timidezza, ma superare difficoltà faceva parte del loro gioco”.

A rendere più suggestive le loro riunioni serali, sono anche le ambientazioni. La villetta di Loriano la sera acquista un aspetto spettrale, mentre nel bar di Alfredo situato vicino al cimitero comunale, l’aria diventa inquietante. A queste location spesso si aggiungono giornate di pioggia e fulmini, e i racconti acquistano un’atmosfera onirica, tanto da provocare un brivido lungo la schiena del lettore.

Le storie raccontate da questo gruppo di amici, sono tutte accattivanti. In esse si colgono diversi punti di riflessione, poiché sollevano argomenti interessanti. Come ad esempio i rischi del web, oramai efficientissimo potrebbe avere la capacità di moltiplicare versioni diverse di uno stesso libro e attraverso appositi supporti essere letto al posto del lettore. Con tale tecnologia si potrebbe arrivare alla distruzione della fisicità del libro.
Andando avanti nelle storie ci immergiamo nel tema della clonazione, vista come ultima risorsa per la continuazione della vita umana…e poi si parla di immortalità, ed inoltre ci addentriamo nel racconto fantascientifico con vocazione ucronica, nel quale il cattivo (Adolf Hitler) diventa buono.
Ogni racconto ha un alone di mistero che sconvolge, ma allo stesso tempo affascina, man mano che si va avanti nelle storie l’atmosfera diventa sognante, nonostante si raccontanti di una realtà crudele.

Buona Lettura📚

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...