Pubblicato in: Segnalazioni

Una Ladra In Biblioteca

Editore: Corbaccio

Sinossi
Le persone vanno in biblioteca per i motivi più vari. Molte ci vanno per i libri, naturalmente, altre per trovare compagnia. Quanto a Kit, che lavora nella biblioteca pubblica di Riverton, cittadina industriale in crisi nello New Hampshire, lei cerca essenzialmente la pace. Qui nessuno si metterebbe a rivangare gli eventi traumatizzanti che l’hanno spinta ad abbandonare la città, la famiglia e il suo posto in società. E lei può proteggersi con i suoi amati libri e cercare di dimenticare. Ma tutto cambia quando si presenta una ragazzina quindicenne, Solstice detta Sunny, arrestata per aver rubato un vocabolario in un negozio e condannata dal giudice a lavorare in biblioteca per un periodo di tre mesi. Sunny è una persona curiosa, brillante, aperta e desiderosa di allontanarsi da una famiglia soffocante. Kit inizialmente è infastidita dall’invadenza di Sunny, ma proprio grazie a lei incomincia a uscire dal bozzolo di isolamento che si era auto-imposto, e a conoscere meglio i frequentatori, talora emarginati ma sempre interessanti e originali, di questa piccola biblioteca che è diventata il cuore pulsante del paese. E a mano a mano che Kit e Sunny fanno i conti con il proprio passato, insieme si aiuteranno a riappropriarsi della propria vita.

RECENSIONI

Dal titolo e dalla cover le aspettative che avevo leggendo questo libro erano diverse. Infatti, arrivando a metà libro ho deciso di ricominciare dall’inizio, perché non volevo restare delusa o provare una sensazione di tradimento. Noi lettori abbiamo un approccio particolare con i nostri libri, leggendo instauriamo una particolare alchimia; riuscendo a cogliere e a comprendere i loro pensieri proviamo particolari emozioni, e sono state proprio queste sensazioni che mi hanno spinta a ricominciare la lettura.

Una ladra in libreria, è un libro sulla vita, con i suoi imprevisti e sbandamenti, perché si sa la vita ha il potere di sorprendere sempre!
“Non era vero che si poteva fare tutto quello che ci si metteva in mente di fare. Era solo una cosa che diceva la gente. Ma se non ci si metteva in mente di fare qualcosa, e se non si aveva idea di cosa si volesse fare, si poteva fare qualsiasi cosa quindi perché farsi prendere dal panico?”

Ma è anche un libro sui rapporti umani, le similitudini e le spigolature che ne scaturiscono rapportandosi col prossimo, suscitando nel lettore un vero coinvolgimento tanto da identificarsi con i protagonisti.

La storia si svolge a Riverton e precisamente nella biblioteca, che è il cuore della città. Inizialmente era la Roberts Library, ma tutti la chiamavano Robbers Library: “la biblioteca dei ladri”. Dato il nome, la gente aveva un rapporto particolare nei suoi confronti, ma dopo la morte dell’affarista Roberts, il nome fu sostituito.
La biblioteca di Riverton “è fatta di alberi che un tempo riempivano i boschi della periferia della cittadina…piallati a mano e sbiancati dal tempo e dal sole, formavano lunghe file, uno dietro l’altro come sentinelle.”
Oltre ad essere un luogo sacro per la custodia del sapere e di quell’odore particolare che travolge il lettore tanto da rendere la lettura più piacevole, è un luogo d’incontro.
Per i cittadini di Riverton è un punto di riferimento, e per Kit la bibliotecaria, che dopo un periodo di terapia, si è conquista quell’impiego, è un luogo di pace dove poter reindirizzare i propri pensieri. Kit, è attratta dai libri, dal loro odore e dalla sensazione tattile che le suscitano, solo immergendosi in essi può superare i suoi problemi. Ed è proprio grazie ai libri che nasce l’amicizia tra lei e Sunny.

Sunny, una ragazzina di quindici anni, accusata di aver rubato un dizionario, viene assegnata dal giudice a svolgere quaranta ore settimanali nella biblioteca di Riverton.
Il furto di un dizionario è una cosa davvero insolita, ma per Sunny, abituata a crescere senza computer e telefono, è un oggetto prezioso.

“Un dizionario contiene tutti i libri che sono stati scritti e tutti quelli che lo saranno, però in un ordine diverso. Mi è sembrato magico. Puoi avere tutti i libri possedendo è soltanto uno. Mi è piaciuto dovevo averlo e basta”.

Ma, per Sunny è stata una piacevole punizione. Ama essere circondata dai libri, e leggere ad alta voce tante storie per i bambini la rende felice;
lei legge con così tanta enfasi “dando agli elefanti voci profonde e nasali, facendo balbettare i muli e dire alle rane ‘cra cra’” .
Il suo desiderio di conoscere e imparare lontano dalla sua famiglia hippy, la entusiasma. Ma ad attirare la sua curiosità è Kit; vuole piacerle a tutti i costi, e lo fa cominciando a leggerle un brano del suo libro preferito. Infatti, è convinta che il modo per scoprire che si può confidare nella sincerità di una persona è leggerle un passaggio dei libri preferiti e stare attenti alla sua reazione.
Kit, è una misantropia che si trova a proprio agio con la sua solitudine. Ma il rapporto che si instaura tra le due le da la consapevolezza di quanto sia duro il proprio isolamento…

A dare una sferzata di aria fresca alle loro vite ma anche al lettore, che nel racconto di tante storie si perde e si annoia un po’, è Rusty, il quale con il suo passato anima la seconda parte del libro.

Una ladra di libri è una storia di emozioni, di scelte personali e soprattutto di sentimenti che accarezzano il cuore, raccontata dall’autrice con delicatezza attraverso la voce dei personaggi. Mostrando in tutte le sfaccettature la loro personalità, la loro vita e soprattutto ciò che rendeva la loro anima agitata.
In questo modo l’autrice è riuscita ad introdurre il lettore nella storia creando una profonda empatia con i protagonisti.

“La vita di ciascuno si snoda come un racconto, e in tutti i racconti ci sono i buoni e i cattivi, e in tutte le storie ci sono conflitti e decisioni, e tutte le storie, se sono interessanti, cotengono elementi drammatici”.

Buona Lettura 📚

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...