Pubblicato in: Recensioni

Einstein, genio senza confini

Ciao amici lettori, oggi vi parlo di Albert Einstein: “Genio senza confini”.

Inizialmente si pensava che Albert fosse un po’ “scemo”, perchè se ne stava in un angolo della stanza in silenzio a osservare il migrare degli uccelli. Era molto appassionato di violini, già prima dei 15 anni eseguiva sonate di Mozart e di Beethoven, e suonava anche il pianoforte.

Quando frequentava il ginnasio non gli era permesso fare domande, ma la sua curiosità lo spingeva a voler sapere e conoscere ogni cosa.

A lui piaceva fare gite in barca e lunghe passeggiate con i suoi amici, discutendo di fisica e matematica; spesso Albert rischiava di cadere nei dirupi, perchè tali confronti lo staccavano dalla realtà .

Si sposò con Mileva ed ebbe due figli, e mentre studiava dondolava la culla e fumava un sigaro!

Quando iniziò a lavorare pubblicò gli articoli con le sue teorie e d’ un tratto il suo studio diventò una classe, dove Albert insegnava le sue conoscenze.

All’epoca della prima guerra mondiale tutti i suoi collaboratori aiutarono con le loro teorie i tedeschi, ma Albert di origini ebrea non contribuì.

Il 7 novembre 1919 diventò la persona più importante del mondo e nel 1921 gli fu consegnato il premio Nobel per la fisica.

Ho trovato questo libro molto interessante e scoprire quanto sia stato intelligente e geniale Einstein mi ha fatto molto emozionare.
Curiosando sul web ho trovato certe stranezze riguardo la sua persona che mi hanno fatto sorridere, come ad esempio: non indossava mai i calzini, e i suoi occhi e le sue rughe sono stati presi come ispirazione per creare il viso del personaggio ”Yoda” in Star Wars. Ce ne sono altre che invece mi hanno fatto rabbrividire, quella in cui i suoi occhi sono conservati in una cassetta di sicurezza a New York, e ancora che il suo cervello, dopo la sua morte, fù rimosso e riposto in un barattolo per vent’anni.
Io voglio ricordarlo per la sua brillante mente e per aver scoperto: “che l’energia contenuta nella materia è uguale alla massa in grammi moltiplicata per il quadrato della velocità della luce.”

E=mc²

“Il GENIO ė per l’1% TALENTO e per il 99% FATICA”
~Albert Einstein~

Alessio Giuseppe Zanaga

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...