Pubblicato in: Segnalazioni

Ultime novità Graphofeel Edizioni

Ciao circolo,

oggi grande lunedì di uscite da non perdere!

33862949_2097470907178199_656595363053961216_n

La prima edizione in lingua italiana del celebre manuale di Erototropiologia Umana Applicata, la scienza che studia il corteggiamento umano.
Il professor Desmond Avenarius è nato a Trockenerhügell in Austria, presumibilmente verso la fine degli anni Cinquanta del ventesimo secolo. Il padre Hans è stato uno degli ultimi piantatori di pellame del Novecento; la madre Gretel faceva la lavandaia comunale. Entrambi volevano sicuramente molto bene al loro unico figlio, ma non riuscivano in alcun modo a dimostrarglielo e così il piccolo Desmond ha trascorso un’infanzia triste e solitaria, anche perché gli altri bambini, ritenendolo troppo intelligente, non volevano giocare con lui. Cresciuto con la consapevolezza di essere un genio e con la fissazione per i misteri della mente umana, Avenarius si è laureato in medicina a soli venti- due anni e si è specializzato in neuropsichiatria.
Durante gli anni dell’Università ha dato avvio ad una ricerca rivoluzionaria, che lo ha portato a codificare i principi dell’Erototropiologia Umana Applicata, la scienza che studia il corteggiamento.
Attualmente vive e lavora a Trockenerhügell, dove ha aperto una clinica in cui visita ogni giorno moltissimi pazienti provenienti da tutto il mondo. Si dice che Desmond Avenarius sia in realtà lo pseudonimo dello scrittore Dario Amadei, il quale però nega strenuamente.

cpj_FioreDiZolfo_3-500x500

Buonanotte ai tuoi vecchi demoni. Che stanotte intraprendano l’ultimo viaggio, così che al buio, non vedendoli in partenza, tu possa lasciarli liberi di andarsene e non tornare più.
Buonanotte ai tuoi angeli. Falli riposare bene, sul tavolo gli ho già lasciato marmellata e fette biscottate. Buonanotte ai tuoi occhi che non sanno di illuminarmi anche quando dovrebbe pensarci il sole, a quelle linee che ogni tanto li incorniciano e che, come un album fotografico, mi raccontano di tutte le volte che hai pianto e che hai riso. Buonanotte ai tuoi piedi ballerini che, forse troppo sensibili all’energia della Terra, rendono elegante la tua camminata sulle punte.
Buonanotte al tuo unico capello bianco: non lo tingere, lascia che anche lui dica la sua.
Buonanotte alla tua pancia un po’ in fuori, che forse è alcolica eppure sembra un ventre materno pronto a far esplodere una vita nuova. Vorrei succedesse già stanotte, ma crepi l’impazienza: dopodomani, o il mese prossimo, sarà lo stesso. Buonanotte. Spero il mio filo di voce non ti disturbi ma, se dovesse accadere, ti sarà sufficiente farmi un cenno con la mano, così che io possa abbassare il volume fino a scivolare in risonanza con te.

 

Buoni acquisti sullo store on line della casa editrice Bookshop Graphofeel Edizioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...